Emigrazione, le diocesi salernitane rispondono all’appello del Papa. Intervista a mons De Luca

L'Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno risponderà in modo positivo, nel limite oggettivo delle sue possibilità, all'appello del Papa ad accogliere le famiglie dei migranti. A dirlo è il vescovo della Diocesi, monsignor Luigi Moretti, in merito all'appello del Santo Padre di accogliere una famiglia di profughi da parte delle parrocchie, delle comunità e dei santuari d'Europa. Monsignor Moretti ha ricordato come l’Arcidiocesi è da sempre impegnata a sostenere tutte le famiglie, migranti e non, con grande sforzo e generosità delle parrocchie e di tutti i fedeli.

Ad accogliere l'invito di Papa Francesco anche la Diocesi di Teggiano-Policastro, territorialmente altrettanto estesa. Su tutto il territorio diocesano, ha spiegato il vescovo Antonio De Luca, la diocesi accoglie mediamente mille migranti. Attualmente ci sono tre gruppi di minori non accompagnati che la chiesa cerca di aiutarli al meglio con le comunità di accoglienza e con la Caritas. Alcuni di questi giovani sono stati inseriti in progetti-lavoro, mentre i più piccoli, i minori non accompagnati, verranno integrati in percorsi scolastici e di formazione. Nel corso di tutta l'estate nell'episcopio di Policastro è stato allestito un salone con servizio docce e bagno, oltre alla cena che la Diocesi ha offerto a chi lo richiedeva.

La Diocesi di Teggiano-Policastro già dal 1991, quando giunsero famiglie dall’Albania, è impegnata nell'accoglienza di profughi

Abbiamo incontrato il vescovo della diocesi di Teggiano-Policastro, monsignor Antonio De Luca

Riascolta l'intervista QUI

Intervista Mons De Luca su emigrazione

Lascia un Commento