Emergenza idrica, Maione e Valiante chiedono incontro con il Ministro dell’Ambiente

Lettera al Ministro dell’ambiente Sergio Costa  da parte di Gennaro Maione e Simone Valiante, rispettivamente presidente del Consac Gestioni Idriche spa e presidente del Consac Infrastrutture energia servizi spa, per evidenziare la necessità di finanziamenti pubblici utili a risanare la rete idrica del Cilento, ormai obsoleta.

Nella lettera Valiante e Maione evidenziano che le due società si trovano a gestire un patrimonio infrastrutturale acquedottistico estremamente degradato, dove le dispersioni di acqua potabile sono superiori al 50%, con punte del 60%, e il servizio reso all’utenza è caratterizzato da continue interruzioni e disfunzioni, soprattutto in estate, nonostante i continui interventi di manutenzione, e con gravi ripercussioni anche sull’ambiente.

Per Maione e Valiante, dunque, si rendono necessari specifici finanziamenti pubblici “che possano consentire di adeguare almeno le principali adduttrici ed introdurre in tal modo effetti benefici per l’ecosistema e per l’economia di un’area ancora ad alto tasso di disoccupazione e di povertà”. Chiedono quindi un incontro con il ministro per discutere di queste problematiche.

 

Lascia un Commento