Emergenza cinghiali, vicesindaco di Sanza Antonio Forte ‘Siamo arrabbiati e preoccupati’

E’ sempre più emergenza cinghiali nel territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, dopo il grave episodio di ieri mattina sul Monte Cervati dove un  cercatore di funghi, 30enne di Sanza, è rimasto gravemente ferito ad una gamba dopo essere stato azzannato da un cinghiale

Provvidenziale la presenza di un amico che con il telefono cellulare è riuscito ad avvisare i soccorsi che si sono recati nella località impervia per portare le prime cure al malcapitato che è stato trasferito all’ospedale di Polla.

"L'episodio – ha commentato il vicesindaco di Sanza, Antonio Forte – desta molta rabbia. Non è la prima volta che avvengono aggressioni del genere. Siamo stanchi e molto preoccupati per il fenomeno”.

Il vicesindaco di Sanza ricorda che da mesi viene chiesta una regolamentazione della gestione della fauna selvatica poichè i cinghiali, oltre a causare danni alle colture agricole, rappresentano un costante pericolo per le persone.

Negli ultimi tempi più volte grossi esemplari di cinghiali sono stati avvistati nelle vicinanze del centro abitato. Nei mesi scorsi il consiglio comunale ha approvato anche una delibera in cui si chiede all'Ente Parco un intervento urgente per risolvere il problema minacciando di uscire dall'area protetta dell'Ente Parco.

Lascia un Commento