Emergenza cinghiali, consegnati titoli abilitativi a 230 selecontrollori. L’intervista

Emergenza presenza cinghiali nel territorio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Ieri pomeriggio, al Centro Studi e ricerche sulla Biodiversità di Vallo della Lucania, sono stati consegnati i titoli abilitativi ai 230 aspiranti selettori che hanno frequentato il “Corso di Formazione e Abilitazione”.

Con il coordinamento dell’Ente Parco e del Corpo dei Carabinieri Forestali, effettueranno battute singole o in gruppo che consentiranno nel medio e lungo termine di dare un importante contributo per la risoluzione del problema della presenza eccessiva di cinghiali nel territorio del Parco.

Nel corso dell’incontro, inoltre, è stato presentato il Piano d’Azione per la Gestione del Cinghiale nel Parco attivando la filiera delle carni di cinghiale che, prima della commercializzazione, saranno sottoposte ai controlli sanitari ma anche attraverso i recinti di cattura collocati nelle aree con maggiore presenza di ungulati. A breve verrà infatti pubblicata la manifestazione di interesse per verificare la disponibilità delle imprese agricole o di soggetti privati ad installare i dispositivi di cattura.

Sul posto abbiamo intervistato Michele, uno dei 230 selecontrollori

Michele selecontrollore

Lascia un Commento