ELEZIONI – Pocker d’assi per la Provincia

Quando mancano meno di 100 giorni all’apertura dei seggi elettorali per le elezioni provinciali il quadro politico va delineandosi in maniera abbastanza chiara, anche se, come da copione, non mancheranno i colpi di scena dell’ultimo momento. Adesso, però, pare che in campo ci saranno, nel prossimo giugno, 4 candidati.
La novità piu’ importante è quella che arriva dalla segreteria romana dell’Unione di Centro di Pierferdinando Casini che, in parte sconfessando quelli che erano le trattative in corso sul territorio, per la Provincia di Salerno, ha imposto una linea che porta ad una candidatura autonoma ed indipendente verso la presidenza di Palazzo Sant’Agostino. Ora si tratta di individuare il nome di un candidato illustre: dopo la rinuncia di Guglielmo Scarlato, tenuto conto della difficoltà da parte del consigliere regionale Salvatore Arena ad accettare la proposta, spunta adesso il nome di un docente universitario: con insistenza si parla del Professore della Facoltà di Scienze della Comunicazione Emilio D’Agostino. Una candidatura di alto profilo attorno alla quale creare una lista ben radicata su tutto il territorio provinciale.
Se l’UDC ha fatto una scelta direttamente nella segreteria romana, il Movimento per le Autonomie nel corso di una riunione in programma a Napoli potrebbe adottare la stessa linea: una candidatura autonoma. Il tutto è legato alla posizione assunta dal candidato del centro destra Edmondo cirielli che continua a tergiversare sulla presenza della lista Movimento per le  Autonomie nel novero dei partiti a suo sostegno. A questo punto la strada pare quasi obbligata, anche perché il Movimento per le  Autonomie, nelle ultime settimane ha messo a segno una serie di colpi in termini di nuove adesioni. Tutta da definire la scelta del candidato alla presidenza: di certo non sarà Salvatore Gagliano che, in queste ore, si sta preoccupando di completare la lista dei 36 candidati.

tratto da www.agendapolitica.it

Lascia un Commento