ELEZIONI – Casini, Letta e l’accordo per Salerno

Ci sono tutti i margini per trovare una intesa elettorale e per portare il simbolo dell’UDC all’interno dello schieramento che sostiene il candidato alla presidenza della provincia Angelo Villani. I contatti, avviati a livello locale, stanno proseguendo anche a Roma dove c’è un fitto colloquio in atto tra il leader di Nusco Ciriaco De Mita ed il dirigente nazionale del PD Enrico Letta.
E’ proprio lo stesso Letta a rappresentare un elemento di congiunzione tra quanto sta accadendo in Campania ed in provincia di Salerno sulla posizione che l’UDC andrà ad assumere nella prossima campagna elettorale. Da tempo, come dicevamo, ci sono fitti colloqui tra De Mita e gli uomini che, a livello nazionale, sono vicini al presidente Villani.
C’è un fatto che sfugge a molti e che riguarda la provincia di Caserta che è stata sciolta ma, almeno per il momento, in base alla normativa esistente, non andrà al voto nel giugno 2009. In questi giorni i vertici del PDL stanno pensando ad un decreto per consentire proprio alla provincia di Caserta di andare alle urne insieme agli altri comuni ed alle altre province della Campania. Se dovesse passare questa proposta, ci potrebbe essere un accordo tra il PDL e l’UDC con il candidato riservato proprio al partito di De Mita (Zinzi, ndr). In questo caso l’UDC chiuderebbe un accordo complessivo su tutto il territorio della Regione Campania con il centro destra.
Allo stato pare complicato, visti anche i tempi stretti, che si vada verso questa soluzione ed allora è chiaro che l’UDC, escluso dal PDL  per le candidature nelle province della Campania e nei principali comuni, possa optare per una scelta verso il PD. Senza dimenticare che proprio in questi giorni il segretario nazionale Casini è sempre piu’ vicino al mondo del Partito Democratico.
 

Lascia un Commento