Eboli, scopre che il fidanzato è sposato, lui la sequestra. Arrestato 29enne marocchino

Ieri sera è stato tratto in arresto un uomo di origine marocchina di 29 anni incensurato per sequestro di persona, maltrattamenti, riduzione in schiavitù, violenza e percosse, commessi nei confronti di una ragazza della stessa nazionalità di 26 anni. 

Sono stati i Carabinieri, ieri pomeriggio, nel corso di ordinari controlli a notare la ragazza, che con atteggiamento spaventato, percorreva di corsa, guardandosi costantemente alle spalle, Via Virgilio e Via Socrate. Pochi attimi dopo i Carabinieri hanno notato che la ragazza veniva seguita da un'auto. La vettura ha raggiunto la ragazza, l'uomo che era alla guida, l'ha aggredita e dopo averla trascinata a terra ha cercato di tirarla a forza sulla macchina. L'intervento tempestivo dei carabinieri ha consentito di bloccare l'uomo, ammanettarlo e condurlo in caserma. Successivamente la ragazza grazie all'ausilio di un interprete, ha raccontato quello che le era accaduto. Nelle settimane precedenti i due avevano avviato e vissuto una relazione sentimentale. Dopo un po' di tempo la ragazza ha scoperto che l'uomo era sposato e dunque ha deciso di chiudere la loro storia. Il ragazzo non lo ha accettato, si è presentato a casa sua e puntandole un coltello alla gola, l'ha minacciata e sequestrata e segregata in casa sua, a Battipaglia. Li l'ha tenuta rinchiusa per 15 giorni circa, abusando di lei sessualmente e trattandola come una schiava. Dopo questo tempo, quando finalmente con la scusa di uscire per effettuare una telefonata ai suoi genitori in Marocco, la ragazza è riuscita a uscire ed è scappata. F

In casa del ragazzo, i carabinieri hanno trovato il coltello utilizzato per le minacce e i documenti della ragazza 

La ragazza è stata condotta in una comunità in località protetta.

Lascia un Commento