Eboli (SA) – Imprenditrice sequestrata ad Eboli e liberata su A1

Sarebbe stata rapita e poi abbandonata a bordo di un Suv, rimasto senza gasolio sull’autostrada A1 nei pressi di Ceprano. E’ quanto avrebbe raccontato la stessa vittima del sequestro lampo, un’imprenditrice 31enne, di Eboli, che rapita nella mattinata di ieri ad Eboli, è stata trovata nel pomeriggio da agenti della Polstrada. A rapirla sarebbero state cinque persone, forse stranieri di origine slava. Polizia e Carabinieri hanno messo in atto sin da subito delle battute in tutta la zona del ritrovamento.
Il sequestro sarebbe scattato mentre la donna si stava recando nell’azienda di famiglia, nella Piana del Sele. I rapitori l’avrebbero costretta a salire sulla vettura poi rimasta senza carburante in provincia di Frosinone.
Della 31enne si erano perse le tracce in mattinata tanto che i familiari ne avevano denunciato la scomparsa ai carabinieri di Eboli. La donna è stata rintracciata a bordo della sua Kia Soriento nei pressi di Ceprano grazie ad un sms inviato a un’amica nel quale spiegava dove si trovava. Uomini della squadra mobile di Frosinone e della polizia stradale, unitamente ai carabinieri di Eboli, stanno ascoltando la donna per accertare l’esatta dinamica dei fatti.
L’imprenditrice avrebbe raccontato di essere stata tamponata intorno alle 9 di ieri da una donna slava. Una volta scesa dall’auto per verificare eventuali danni sarebbe stata circondata da uomini stranieri e costretta a risalire sulla vettura. L’auto ha imboccato la A3 e poi sarebbe stata costretta a dirigersi verso Roma, ma una volta finito il gasolio il viaggio si sarebbe interrotto intorno alle 15 tra Cassino e Pontecorvo. I rapitori durante il viaggio le avrebbero rubato 300 euro. Gli agenti della Polstrada di Frosinone l’hanno trovata parzialmente legata e in stato confusionale. La donna ha detto di essere quasi riuscita a slegarsi del tutto e a dare l’allarme con il cellulare che i banditi le avevano lasciato. La 31enne ebolitana non ha subito violenza ma sarebbe stata picchiata.

Lascia un Commento