Eboli, rapinata e picchiata in casa, si aggravano le condizioni di un’anziana

Si aggravano le condizioni di un’anziana rapinata e picchiata in casa, otto giorni fa, nella zona di Campolongo ad Eboli.

La donna, 88 anni, è ricoverata in ospedale e le sue condizioni sono improvvisamente peggiorate a causa di una grave emorragia cerebrale. La donna, Vincenza, domenica 16 luglio subì una rapina in casa.

I rapinatori fecero irruzione nell’abitazione e, dopo aver tramortito la padrona di casa con un colpo alla testa, fuggirono con 15mila euro di oggetti preziosi.
Fu proprio la vittima ad allertare i carabinieri e i soccorsi.
In ospedale non apparvero evidenti ferite nè lesioni preoccupanti tanto da consentire all’88enne di tornare a casa, ma dopo una settimana, la situazione ha avuto un’improvvisa evoluzione negativa. Violenti mal di testa e perdita di lucidità hanno convinto i familiari della donna a un nuovo consulto in ospedale dove una TAC ha svelato la presenza di un’estesa emorragia.

Continuano le indagini dei carabinieri

Lascia un Commento