Droga e armi, vasta operazione dei Carabinieri a Salerno, ecco i dettagli

Un esponente del Clan Panella-Dagostino di Salerno era a capo di due gruppi criminali sgominati all’alba di oggi nel corso di una vasta operazione antidroga dei Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno nella zona orientale del capoluogo salernitano. 

Oltre 200 militari, con cani antidroga e con il supporto di elicotteri dell’Arma, hanno eseguito 7 arresti in carcere, 10 ai domiciliari e 12 obblighi di dimora.

I provvedimenti sono stati emessi dal Gip del Tribunale di Salerno su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia che ha coordinato le indagini avviate nel settembre del 2014 a seguito del ferimento di un pregiudicato.

Le accuse, a vario titolo, sono di “associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti”, “detenzione e porto illegale di armi e munizioni” e altro. Eseguite anche numerose perquisizioni nella zona della case popolari e del casermone.

Gli investigatori hanno accertato che la droga, cocaina, eroina, hashish e marijuana proveniva dal Napoletano e poi veniva lavorata e confezionata in alcune baracche nella periferia orientale della città di Salerno.

E’ stato anche accertato che un bar in cui venivano riciclati i proventi del traffico di droga era stato intestato a due incensurati ma di fatto appartenente ad uno dei principali indagati.

Nel corso dell’operazione di oggi sono state recuperate dai carabinieri anche della armi utilizzate in alcune sparatorie intimidatorie.

Lascia un Commento