Dopo il San Marzano belga, arriva la nocciola Tonda olandese. L’allarme di Coldiretti

La varietà picentina della Nocciola Tonda di Giffoni IGP è stata iscritta nel registro delle cultivar vegetali coltivabili in Olanda. Le nocciole olandesi si chiameranno addirittura “Nocciole di Giffoni”. L’annuncio non è stato accolto bene dagli eurodeputati italiani, i quali hanno deciso ufficialmente di chiedere l’apertura di una procedura d’infrazione contro l’Olanda. I produttori di Giffoni, intanto, si dichiarano pronti a dare battaglia.
L'allarme è stato lanciato dalla Coldiretti. 

La nocciola di Giffoni è fra le varietà italiane più pregiate e nel 1997 ha ottenuto il marchio IGP, riconoscimento indiscutibile della sua tipicità. Le caratteristiche che la rendono speciale sono figlie del perfetto mix ambientale e climatico di una zona ben precisa della provincia di Salerno, situata tra la valle dell’Irno e la zona dei monti Picentini. 

Riascolta Vittorio Sangiorgio presidente della Coldiretti di Salerno al microfono di Ersilia Gillio

L'Olanda produce le nocciole di Giffoni, allarme di Coldiretti

Lascia un Commento