Domiciliari con braccialetto elettronico per Diele. La decisione del gip del Tribunale di Salerno

Arresti domiciliari nella sua casa a Roma con braccialetto elettronico.

E’ quanto disposto dal Giudice per le Indagini Preliminari oggi, nel carcere di Fuorni, a Salerno, durante l’udienza di convalida dell’arresto per Domenico Diele, l’attore di 32 anni che, nella notte tra venerdì e sabato scorsi, a bordo della sua auto, ha investito e ucciso la 48enne Ilaria Dilillo mentre era alla guida del suo motociclo, sull’Autostrada A2 nei pressi dello svincolo di Montecorvino Pugliano.

L’attore è accusato di omicidio stradale aggravato.

E’ difeso dall’avvocato Viviana Straccia del foro romano che stamattina ha assunto l’incarico subentrando all’avvocato d’ufficio Monica Salerno. Diele è risultato positivo al test della droga. Per lo stesso reato gli era stata ritirata la patente già dallo scorso anno.

“Niente, non sappiamo niente, ce lo state dicendo voi”. Così la mamma di Domenico Diele che, assieme al marito, si e’ recata all’ingresso del carcere di Fuorni per consegnare un borsone, molto probabilmente contenente capi di abbigliamento per il figlio. La signora ha risposto ai giornalisti che le chiedevano di commentare la decisione del Gip del Tribunale di Salerno che ha disposto per l’attore gli arresti domiciliari con braccialetto elettronico a Roma.

L’attore però non riesce a darsi pace ed ha affermato che non si è trattato di un omicidio bensì di un incidente. Ha ammesso di essere dipendente da eroina ma ha spiegato che l’incidente è stato causato dall’uso del cellulare non dalla droga. “Mi sono distratto con il cellulare. Ho un telefonino che funziona male, c’è un tasto che non va, e io per cercare di fare una telefonata ho abbassato gli occhi” così ha detto. Poi ha espresso la volontà di voler incontrare il padre della donna per provare a spiegargli cosa sia successo. “Sono colpevole. Urlerò la mia colpevolezza con tutte le forze. Non ho scuse, ho sbagliato e devo pagare” così ha detto Diele.

Lascia un Commento