Domani 2 aprile atterra in Italia ‘il brasiliano’, unico indagato per la morte del sindaco Vassallo

E’ atteso domani l’arrivo a Salerno di Bruno Humberto Damiani, il brasiliano, detenuto in Colombia, indagato per l’omicidio di Angelo Vassallo, il sindaco di Pollica ucciso il 5 settembre del 2010.

Al momento il 32enne è rinchiuso nel carcere di Bogotà dove sconta una pena per un altro reato commesso, ma come già aveva ricordato il suo legale salernitano Michele Sarno, Damiani si è sempre detto "estraneo a questo omicidio". Per gli inquirenti invece sarebbe stato lui ad aver ucciso Vassallo a seguito di un diverbio avuto alcuni giorni prima del delitto: secondo gli investigatori il sindaco si opponeva all'attività di spaccio che stava prendendo piede nella frazione di Acciaroli.

Siamo contenti che finalmente è stato consentito a Bruno Humberto Damiani di poter ritornare in Italia e affrontare il processo nel proprio Paese commenta l’avvocato Michele Sarno precisando che il suo assistito, entro cinque giorni dall’arrivo in Italia, dovrà affrontare l'interrogatorio di garanzia in relazione all'ordinanza per la quale è detenuto, dal momento che è imputato per una serie di estorsioni.

Lascia un Commento