Disposizioni anticipate di trattamento, nuovo intervento dell’Associazione Luca Coscioni


Nuovo intervento della salernitana Filomena Gallo, segretario dell’Associazione Luca Coscioni, sulle Disposizioni anticipate di trattamento Dat.

“Chiediamo a gran voce che sia attuato il Registro Nazionale per le Disposizioni anticipate di trattamento Dat: con la finanziaria 2017 sono infatti stati stanziati 2 milioni di euro per la creazione della Banca dati nazionale dei testamenti biologici che sarebbe dovuta essere operativa entro il 30 giugno 2018, ulteriori 400 mila euro l’anno sono stati stanziati con la finanziaria 2018, eppure della Banca dati, nonostante i ripetuti proclami della ministra Grillo, ancora non vi è traccia”. ha riferito il segretario dell’Associazione Luca Coscioni, Filomena Gallo.

Dalla morte di Eluana Englaro nel 2009, simbolo della lotta per una “morte dignitosa”, commenta Gallo, “sono stati anni di richieste, sofferenze, appelli, sentenze e dolore che hanno cambiato anche gli italiani, che sono arrivati ad esprimere indipendentemente dal proprio credo il loro consenso a leggi che affermino le scelte individuali in materia di cure e non”. Ma la “volontà politica – conclude – va confermata ogni giorno nell’affermare come leggi di Stato e diritti fondamentali anche quelli che non trovano riscontro ancora in norme”.

A Radio Alfa ne abbiamo parlato con l’Avvocato Franco Di Paola dell’Associazione Luca Coscioni
Di Paola su fine vita

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento