Depuratore di Capaccio Paestum, disposto il dissequestro temporaneo

La Procura della Repubblica di Salerno ha disposto il dissequestro temporaneo del depuratore di Varolato a Capaccio Paestum per consentire lavori di manutenzione straordinaria all’impianto.

Ieri gli uomini della Guardia Costiera i hanno rimosso i sigilli.

L’impianto venne posto sotto sequestro lo scorso 22 marzo dopo il ritrovamento in mare dei numerosissimi dischetti bianchi (filtri carrier) che l’impianto aveva riversato in acqua e sui quali resta ancora aperta l’inchiesta per individuare tutte le eventuali responsabilità.

Il dissequestro durerà 30 giorni affinchè la Veolia Water Technologies, società che ha già realizzato le opere di adeguamento del depuratore, possa completare le attività di collaudo e riattivazione della linea, facendo anche le prove di carico su nuova griglia e spostamento di carrier da sedimentazione finale, per ripristinare il corretto e completo funzionamento del ciclo di depurazione.

Lascia un Commento