Depressione, in Campania, ne soffrono 164mila cittadini

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Sono circa 164mila i cittadini campani che, secondo i dati Istat, soffrono di depressione maggiore. La malattia è riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come prima causa di disabilità a livello mondiale e riguarda circa 3 milioni di italiani, di cui circa 1 milione soffre della forma più grave.

“La depressione è una condizione a cui va incontro nel corso della propria vita circa il 15% delle persone, con vari livelli di gravità”, spiega Mario Maj, professore ordinario di Psichiatria, direttore Dipartimento di Psichiatria dell’Università degli Studi della Campania Vanvitelli di Napoli. “Essa può essere precipitata, non ‘causata’, da un evento sfavorevole, risultando allora sproporzionata a quell’evento per la sua intensità e durata, oppure insorgere in assenza di un evento scatenante, ma oltre la metà delle persone che soffrono di depressione non accede alle cure adeguate”. Il professor Maj spiega che molte persone depresse non sono consapevoli della natura patologica della loro condizione o dell’esistenza di cure efficaci, oppure hanno vergogna o paura di chiedere aiuto.

 

Istituzioni e rappresentanti locali a livello medico, assistenziale e sociale si sono incontrati a Napoli al Palazzo della Regione per confrontarsi su come affrontare più efficacemente la malattia, superare lo stigma associato alla depressione, facilitare l’accesso alla diagnosi e alle cure più appropriate. La tavola rotonda rientra nel percorso di sensibilizzazione «Uscire dall’ombra della depressione», organizzata da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere.

Questo disturbo psichiatrico ha un forte impatto sulla qualità della vita e sui costi sanitari e sociali, che risultano molto elevati. Una persona con depressione maggiore costa in media al Servizio Sanitario Nazionale circa 5mila euro l’anno in termini di ricoveri ospedalieri, farmaci antidepressivi, specialistica ambulatoriale.

Il costo legato agli assegni ordinari di invalidità e alle pensioni di inabilità, si aggira intorno ai 106 milioni di euro, pari a 9.500 euro annui a beneficiario. In Campania, queste prestazioni di invalidità previdenziale vengono concesse a 1 persona con depressione maggiore ogni 100.000 abitanti.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp