Defibrillatori obbligatori, approvata la legge attesa da 20 anni. La soddisfazione in diretta di Alfonso Speranza

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Defibrillatori negli uffici pubblici, negli impianti sportivi, ma anche in porti e aeroporti, scuole, stazioni e altri luoghi molto frequentati. Dopo 20 anni di attesa è stata approvata ieri la legge sui defibrillatori, con la speranza che si possano ridurre i circa 60mila arresti cardiaci che avvengono in Italia ogni anno.

 

Il via libera definitivo è arrivato dalla Commissione Affari Sociali della Camera in sede legislativa. Le misure previste dalla nuova legge si propongono di coinvolgere maggiormente i cittadini nel primo soccorso: 10 milioni di euro per l’installazione dei dispositivi (Dae) in luoghi pubblici molto frequentati, l’obbligo di insegnamento a scuola delle manovre di primo soccorso e l’obbligo per le società sportive di dotarsi di defibrillatore.

Legge finalmente approvata, ma nel frattempo molte associazioni sono già al lavoro da anni per installare quanti più defibrillatori possibili anche nelle nostre città e nei nostri paesi.

Tra queste abbiamo parlato a Radio Alfa in diretta questa mattina dell’impegno da 9 anni dell’Associazione Carmine Speranza Onlus, con sede a Torre Orsaia. E’ intervenuto il presidente Alfonso Speranza. 

Il file audio (podcast) di questa notizia è scaduto. Qualora vorresti riascoltarlo, puoi inviare una richiesta comunicando il tuo Nome e la tua Email.


Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo l'informativa sulla privacy

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber
 

Lascia un Commento