Decadenza De Luca, cosa accadra’ adesso: le ipotesi di un esperto (AUDIO)

Vincenzo De Luca esclude trattative ai tavoli romani sulla sua candidatura alle primarie del Pd campano. De Luca che si definisce "sindaco emerito" di Salerno, in relazione alle prossime primarie ieri ha detto di sentirsi “una persona che ha fatto il proprio dovere da sempre e che ha dedicato la sua vita alla comunità, che ha rappresentato un modello di amministrazione fatto di rigore e trasparenza assoluta”.

Secondo De Luca, la sua candidatura alle primarie rientra in quello che prevede il codice etico del partito, non c'è nessuna anomalia particolare. “C'è stata – ammette De Luca – una richiesta di riflettere attentamente sulla mia candidatura. E' una richiesta che la segreteria nazionale aveva il diritto e il dovere di fare. Abbiamo riflettuto. Io ho riflettuto e non trovo – ha aggiunto il sindaco emerito – nessuna ragione per fermarmi”.

Sul fronte amministrativo però, ieri al comune è stato notificato l’atto della Prefettura di decadenza di De Luca da primo cittadino. Lo stesso atto è stato inviato anche al Ministero dell’Interno. All’orizzonte il paventato scioglimento del Consiglio comunale.

Un'ipotesi certo, anche se da più parti si guarda alla primavera del 2016 per il ritorno alle urne.

Per capirne di più, oggi a Radio Alfa è stato ospite il prof. Armando Lamberti, docente di diritto costituzionale alla facoltà di Giurisprudenza  dell’ateneo salernitano.

Riascolta qui l'intervista

Intervista Lamberti

Lascia un Commento