Dalla Spirulina nuove speranze contro l’ipertensione, lo studio anche con Unisa

Dalla Spirulina, una sostanza di origine naturale, giungono nuove possibilità contro l’ipertensione.

È quanto emerge da uno studio condotto dall’Istituto di ricovero e Cura a Carattere Scientifico Neuromed di Pozzilli in collaborazione con ricercatori delle Università di Salerno, Sapienza di Roma e Federico II di Napoli.

I ricercatori hanno estratto dal cianobatterio Spirulina una molecola capace di dilatare i vasi sanguigni contrastando la pressione arteriosa elevata. Nell’estratto di Spirulina i ricercatori hanno infatti scoperto una molecola composta da aminoacidi, come le proteine, ma molto piccola, che si è rivelata capace di provocare un rilassamento delle arterie e di portare a un’azione antipertensiva. Gli esperimenti sono stati condotti sia in laboratorio su arterie isolate che su modelli animali di ipertensione.

“Saranno necessarie ulteriori ricerche – afferma Carmine Vecchione, docente dell’Università di Salerno presso il Neuromed – ma potrebbe rappresentare un adiuvante naturale alle comuni terapie farmacologiche per migliorare la funzione endoteliale e, quindi, combattere l’ipertensione”.

Lascia un Commento