Da Salerno a Bergamo per far conoscere la pizza e la solidarietà. La storia di Attilio Cannizzaro

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Da Salerno a Bergamo per portare, in giro per l’Italia, la cultura della vera pizza napoletana e della Pascalina, il progetto dell’Istituto Nazionale Tumori Ircss Fondazione G. Pascale che mira alla diffusione di un comportamento sano e attento ad una corretta alimentazione e che sostiene progetti di ricerca nella lotta contro il tumore.

Attilio Cannizzaro, dopo aver abbassato definitivamente la serranda della sua pizzeria, in via Salvatore Calenda, a Salerno città, si è trasferito nel bergamasco. Pizzaiolo da oltre 10 anni, dopo aver lavorato in giro per l’Italia e l’Europa, passando per Perugia, Roma, Londra, Monaco, Costiera Cilentana e Salerno, ha deciso di dare una svolta alla sua vita. Così, il trasferimento a Lovere, comune del bergamasco per dare un futuro migliore alla sua famiglia.  La sua pizzeria è stata tra le prime ad aderire al progetto dell’Istituto Pascale che, con la sua pizza Pascalina, che ha visto il coinvolgimento della direzione scientifica del Pascale, guidata dal dottor Paolo Delrio, per permettere alla ricerca nella lotta contro il tumore di proseguire speditamente. A Radio Alfa oggi Attilio Cannizzaro

 

Il file audio (podcast) di questa notizia è scaduto. Qualora vorresti riascoltarlo, puoi inviare una richiesta comunicando il tuo Nome e la tua Email.


Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo l'informativa sulla privacy

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber
 

Lascia un Commento