Da sabato 2 maggio l’Oasi Riofreddo di Buonabitacolo a disposizione degli amanti della natura

Un luogo unico restituito alla comunità locale, un bene collettivo da salvaguardare e lasciare intatto alla fruizione delle future generazioni. L’Oasi Riofreddo di Buonabitacolo restituita alla fruizione degli amanti della natura.

Sabato 2 maggio in contrada Rio Freddo a Buonabitacolo, su iniziativa della cooperativa Mediatelecom, una giornata di confronto e riflessione tra Istituzioni, operatori turistici e a società civile sul futuro dell’ Oasi Riofreddo.

Un laghetto ricco di fauna acquatica e contestualizzato in un ambiente naturale unico nel suo genere, proposto agli operatori e club di pesca sportiva, nell'ottica di un suo utilizzo in chiave di salvaguardia e fruibilità a carattere sociale.

Un’intuizione della cooperativa Mediatelecom, che garantendo la piena godibilità del laghetto, ha deciso di realizzarvi un'operazione di partenariato sociale offrendo a tutti gli operatori del settore (attività zonali di articoli per la pesca), hobbysti (club di pescatori), società civile (associazioni culturali, la Caritas, etc.), la disponibilità del sito all'utilizzo, a richiesta, in momenti ludici, di socialità ma anche per gare di pesca sportiva, semplicemente richiedendone l'uso, a fronte di un mero contributo simbolico a copertura dei costi vivi della gestione.

L’iniziativa della Mediatelecom si inserisce nel più ampio progetto di valorizzazione delle bellezze e del patrimonio ambientale e naturalistico del territorio.

L'idea progettuale sarà presentata agli operatori di settore, opinion leader della società civile e politica nell’appuntamento di sabato 2 maggio con inizio alle ore 10,30 presso la stessa Oasi Riofreddo.

Il confronto a più voci vedrà la presenza, tra gli altri, del Consigliere provinciale Paolo Imparato; del presidente della Comunità Montana Vallo di Diano, Raffaele Accetta; del sindaco di Buonabitacolo Elia Rinaldi; del presidente del Consorzio di Bonifica del Vallo di Diano e Tanagro, Giuseppe Morello; dell’amministratore unico della Mediatelecom, Antonio Giardullo. Le conclusioni sono affidate al presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo.

A moderare il dibattito il giornalista di Radio Alfa, Lorenzo Peluso.

Lascia un Commento