Da oggi al cinema “Gli uomini d’oro” del regista amalfitano Vincenzo Alfieri

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Esce oggi, 7 novembre, nelle sale cinematografiche italiane, “Gli uomini d’oro” il nuovo film del regista 33enne salernitano Vincenzo Alfieri, originario di Amalfi. 

Nel cast Fabio De Luigi, Edoardo Leo e Giampaolo Morelli. 

Per il regista salernitano è il secondo lavoro dopo il film d’esordio “I Peggiori” (2017) che incassò positivi favori della critica e la candidatura ai Nastri d’Argento come miglior film esordiente. 

Il film è ispirato a una storia vera, ma anche al cinema di Monicelli e Tarantino. E’ stato definito un “film di rapina, livido e grigio, catapultato in un’atmosfera anni novanta da metropoli del Nord”. 

Le parole del regista: «Da Monicelli ho imparato che il dolce non è mai così dolce senza l’amaro. La vita è una commedia piena di momenti tragici. Da Tarantino ho imparato quanto sia stimolante riuscire a mescolare i generi, imponendosi di avere sempre a mente che il cinema può anche far riflettere intrattenendo».

La trama in breve: Il film è ambientato nella Torino del 1966. Luigi (Giampaolo Morelli) è un impiegato postale con la passione per il lusso e le belle donne. Ha sempre sognato la baby pensione e una vita in vacanza in Costa Rica. Il sogno però si dissolverà e sarà disposto a tutto, persino a rapinare il furgone portavalori che guida tutti i giorni. Per un colpo così grosso, ci vorrà un piano perfetto. Avrà così bisogno dell’aiuto del suo migliore amico Luciano, ex postino quarantenne insoddisfatto, e dell’ambiguo collega Alvise (Fabio De Luigi), con una vita apparentemente normale. Nella banda ci sarà anche un ex pugile, il Lupo (Edoardo Leo).

Ricordiamo che il film viene proiettato in questi giorni proprio al CINETEATRO SAN DEMETRIO di Salerno, in via Dalmazia, inserzionista di Radio Alfa

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento