Da 5 anni percepiva indennita’ per falsa invalidita’, scoperto 69enne di Battipaglia

Ancora un sequestro preventivo di beni nei confronti di Antonio Meluzio, 69 anni, di Battipaglia, per l’ipotesi di truffa aggravata ai danni di ente pubblico. Il sequestro è stato effettuato nell’ambito dell’accusa di falsa invalidità. I beni sottoposti a sequestro ammontano a oltre 50.000 euro.

Meluzio, già in passato condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso per vicende concernenti il disarticolato clan camorristico “Maiale”, percepiva infatti l’indennità di accompagnamento perchè ufficialmente incapace di provvedere autonomamente agli atti quotidiani della vita e di muoversi senza l’ausilio di un accompagnatoreMa è stato filmato mentre era intento in più occasioni, da solo, a guidare l’auto, ad effettuare la spesa quotidiana al mercato rionale e a leggere il giornale in piedi.

Addirittura, nel corso di una competizione podistica, ha accompagnato nella parte finale della gara, il vincitore correndogli accanto e incitandolo a tagliare il traguardo. L’uomo è accusato di truffa aggravata ai danni di ente pubblico, disponendo che deve restituire le indennità di invalidità indebitamente percepite negli ultimi 5 anni e dunque operando il sequestro per equivalente.

Lascia un Commento