Cronaca, a Orria e Perito scoperta gestione clientelare della cosa pubblica. 11 provvedimenti

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

11 tra amministratori comunali e funzionari dei comuni di Perito e Orria ma anche amministratori di note imprese cilentane, sono stati raggiunti questa mattina da alcune ordinanze applicative di misure cautelari personali emesse dal Tribunale Ordinario di Vallo della Lucania eseguite dai Carabinieri di Vallo della Lucania.

I provvedimenti sono stati emessi al termine di una lunga attività di indagine che ha consentito di appurare gravi e prolungate irregolarità che hanno avuto luogo nei due comuni nella gestione della spesa pubblica e che si sono concretizzate in una serie di reati.

 

In particolare, per quanto concerne il comune di Perito, i reati vanno dalla frode nelle pubbliche forniture commessa proprio da chi avrebbe dovuto vigilare sulla corretta esecuzione di lavori pubblici, al peculato con l’appropriazione di ingenti somme di denaro di cui i funzionari avevano disponibilità con relative contabilizzazioni di lavori mai svolti, alla falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici attraverso attestazioni di fatti non conformi al vero, all’abuso d’ufficio con contratti e determinazioni, a dir poco, “caserecce”. I provvedimenti in questo caso emessi riguardano 7 persone e sono il divieto di esercitare imprese o uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese e interdizione per sei mesi delle attività inerenti a tali ruoli.

Per il comune di Orria invece i reati identificati sono la turbata libertà degli incanti e turbata libertà di scelta del contraente attraverso affidamenti predeterminati di appalti a specifiche imprese, e “indicazioni” finalizzate a condizionare la scelta del contraente da parte della pubblica amministrazione. In questo caso sono scattati, a carico di 4 persone i provvedimenti di divieto di dimora e divieto di esercitare imprese o uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese con interdizione per 6 mesi dalle attività inerenti a tali ruoli. Nei due comuni, le indagini hanno svelato una gestione familiaristico-clientelare della cosa pubblica da parte di pubblici amministratori e funzionari presso enti comunali, attuata senza considerare le più elementari norme giuridiche che governano la gestione degli appalti e l’assegnazione degli incarichi

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento