Crollo viadotto A3, riunione alla Procura di Castrovillari

Rimane sotto sequestro, per decisione della magistratura di Castrovilari il viadotto Italia della A3, fra Laino Borgo e Mormanno, chiuso a seguito dell’incidente sul lavoro del 2 marzo scorso costato la vita ad un giovane operaio rumeno residente in provincia di Salerno.

Ieri, è stato fatto il punto in una riunione di circa 4 ore fra il procuratore generale di Catanzaro, Raffaele Mazzotta, ed i magistrati della Procura di Castrovillari che coordinano le indagini sul crollo. 

Era previsto per mercoledì il deposito, da parte dell'Anas, di un elaborato tecnico chiesto dai magistrati sulla base del quale i consulenti dei pm dovranno pronunciarsi, entro 15 giorni, sulla staticità dell'opera e sulla fattibilità di eventuali interventi di messa in sicurezza. Al momento, comunque, il provvedimento di sequestro del viadotto non è stato ancora revocato in attesa della pronuncia dei consulenti della Procura

Lascia un Commento