Cresce la povertà in Campania più che in altre regioni, la fotografia nel dossier Caritas. Considerazioni e riflessioni con il vescovo De Luca

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Eventi e appuntamenti a Salerno e provincia

Cresce la povertà in Campania

Nel 2022 le persone che si sono rivolte ai Centri di ascolto della Caritas sono state poco più di 11mila, erano 8.666 nel 2021. Un incremento di oltre il 32% si registra anche nel primo semestre di quest’anno rispetto al 2022.  Inoltre una persona su due rischia di diventare povero con una speranza di vita più bassa. Intere famiglie chiedono aiuto, perché manca di tutto: pannolini, latte, indumenti. Non riescono a comprare i beni di prima necessità a causa dei costi dei prodotti aumentati per la crisi. Ai tantissimi poveri italiani si aggiungono anche quelli che fuggono dalle guerre: ucraini, soprattutto, che contribuiscono ad aumentare il numero assoluto dei poveri.

Il report della Caritas sulle povertà

Fasano Corp. S.r.l. Teggiano

È la fotografia scattata dal dossier regionale della Caritas presentato ieri all’Università Luigi Vanvitelli ad Aversa. Nel panorama nazionale la Campania ha avuto l’incremento maggiore di povertà, mentre il dato nazionale è pressoché stabile.
Il report della Caritas prende le mosse dal discorso di Papa Francesco, che in occasione della VII Giornata Mondiale dei Poveri, ha detto: “Non distogliere lo sguardo dal povero”, aggiungendo: “È facile, parlando dei poveri, cadere nella retorica. È una tentazione insidiosa anche quella di fermarsi alle statistiche e ai numeri. I poveri sono persone, hanno volti, storie, cuori e anime. Sono fratelli e sorelle con i loro pregi e difetti, come tutti, ed è importante entrare in una relazione personale con ognuno di loro”.

Le cause della povertà

Secondo quanto spiegato dai sociologi che hanno illustrato i dati, il fenomeno andrebbe collegato con il generale aumento del costo della vita e con la diminuzione dei nuclei familiari percettori del reddito di cittadinanza. Calo demografico, bassa natalità, scarsi investitori nel territorio, mancanza di lavoro, aumento dei prezzi dei beni di prima necessità, perdita di alcune misure governative: sono queste alcune della cause dell’impoverimento generalizzato, che ha tra gli effetti anche quello di far crescere il numero di persone che se ne vanno. “Tra il 2001 e il 2021 la quota di emigrati meridionali con elevate competenze, in possesso di laurea o titolo di studio superiore, si è più che triplicata, passando da circa il 9% a oltre il 34%. Nel 2021 su 100 emigrati dal Mezzogiorno, oltre 34 possedevano la laurea, 30 almeno un diploma di scuola secondaria inferiore e 36 un diploma di scuola secondaria superiore“.

Abbiamo fatto una riflessione sul dossier povertà della Caritas con il vescovo della Diocesi di Teggiano-Policastro, Padre Antonio De Luca, delegato regionale per i migranti.

 

Il file audio (podcast) di questa notizia è scaduto. Qualora volessi riascoltarlo, puoi inviare una richiesta comunicando il tuo Nome e la tua Email.


Autorizzo al trattamento dei dati personali secondo l'informativa sulla privacy

Unisciti gratis al canale WhatsApp e  di Radio Alfa, per ricevere le nostre notizie in tempo reale. Ci trovi anche su Google News.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookInstagram, X e YouTube.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Eventi e appuntamenti a Salerno e provincia
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Lascia un Commento