Costretto a vendere il suo corpo per qualche soldo da portare a casa, finisce l’incubo per un 11enne di Eboli

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Arriva la parola fine all’incubo per un bambino di 11 anni, di origini bulgare, residente a Eboli, con una situazione familiare molto disagiata.

Abbandonato dalla madre, con il padre in carcere, l’11enne viveva con i due nonni anziani e il fratello più grande in un appartamento fatiscente sottoposto a sfratto in via Paparone.

 

L’11enne era stato costretto a vendere il suo corpo con prestazioni sessuali per racimolare qualche soldo da portare a casa per aiutare il padre in carcere per reati contro il patrimonio. Aveva iniziato a frequentare l’abitazione di un 50enne ebolitano con problemi psichici denunciato lo scorso anno, rinviato a giudizio. Anche lui sarà seguito dagli assistenti sociali che faranno in modo di metterlo in una struttura adeguata alla sua patologia.

L’11enne è stato trasferito ieri in una casa famiglia in attesa di un affidamento definitivo.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp