COSTA D’AMALFI – Petizione popolare per la salvaguardia del mare

Una petizione popolare che si può firmare su internet è stata avviata in Costiera Amalfitana per chiedere la salvaguardia del mare, elemento considerato centrale intorno al quale ruotano la storia, l’economia, la cultura e le relazioni sociali della Divina Costa. La promuovono Italia Nostra, WWF, Legambiente, l’associazione Politico Culturale “Perminori” e Acarbio. I promotori della raccolta firme sostengono che la “Costiera ha smesso di essere una meta ambita e procede lentamente verso un degrado che sembra ineluttabile”. Per loro la causa di questo fenomeno è l’incuria crescente da parte delle amministrazioni nei confronti del territorio e del mare che presenta estese macchie di colore marrone, rifiuti galleggianti, schiume di incerta origine. I promotori della petizione evidenziano anche un crescente numero di casi di gastroenterite, infezioni della pelle e, recentemente, di salmonella.

La petizione popolare è indirizzata alla Conferenza dei sindaci dei Comuni della Costiera Amalfitana; alla Provincia di Salerno, alla Regione Campania, all’ARPAC e alla Capitaneria di Porto di Salerno.

ono tre le principali richieste: Intervenire rapidamente e di adottare le misure necessarie per dotare tutti i comuni della Costiera di sistemi di depurazione adeguati per salvaguardare il nostro territorio, l’economia della nostra regione e la salute di tutti; di creare una Task Force nell’ambito della Conferenza dei sindaci incaricata di fare una analisi della situazione e di seguire gli sviluppi dei lavori di realizzazione dei suddetti sistemi di depurazione; di informare regolarmente la cittadinanza attraverso comunicati stampa sullo stato delle acque e l’avanzamento dei lavori di depurazione.

Lascia un Commento