Coronavirus, vietate le uscite in barca, le immersioni o le nuotate anche se in solitaria

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Niente uscite in barca, anche in solitario, o immersioni subacquee o nuotate in tempi di Coronavirus.

 

Raggiungere la barca o la spiaggia comporterebbe uno spostamento non giustificato da esigenze di lavoro, situazioni di necessità o esigenze di salute e quindi violerebbe il Dpcm, ha spiegato il ministero dei Trasporti ribadendolo anche a Capitanerie, circoli nautici e porti turistici.

Il nodo non è tanto il veleggiare o il nuotare, che non comporterebbero contatti che possono propagare il virus. A livello diportistico tutte le attività sono vietate perché presuppongono uno spostamento che non rientra nei tre previsti dal Dpcm e quindi la violazione comporta l’applicazione dell’articolo 650 del Codice penale.

Diverso se una persona vive in barca o se esce in barca per lavoro, come ad esempio i pescatori.

 

Per ricevere le nostre notizie in tempo reale, unisciti gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber
 

Lascia un Commento