Coronavirus, pronto soccorso del Ruggi predisposto per trattare pazienti positivi 

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Il Pronto Soccorso dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” già nel 2014 era pronto a gestire l’emergenza epidemica internazionale Ebola, e in quella circostanza venne adeguato per trattare eventuali casi di contagio.

Un percorso dedicato alle malattie altamente infettive e diffusive venne realizzato, distinto dagli altri percorsi. L’area occupata dagli infermieri di triage fu completamente protetta e separata dall’area di accesso antistante, e furono individuate due stanze di isolamento da destinare ai casi sospetti con accesso indipendente dal Pronto Soccorso Generale.

 

Oggi, con l’emergenza in atto, a queste due stanze di isolamento sono state aggiunte altre tre stanze per adulti e una per bambini, dotate di  apparecchiature che sanificano l’aria. Sono dotate anche di ventilatori-rianimatori e di apparecchiature radiologiche. Inoltre, tutto il personale del Pronto Soccorso è stato formato sulla gestione dei casi di pazienti infetti.

Inoltre la sala di attesa del Pronto Soccorso è stata inibita alla presenza di qualsiasi persona e ciclicamente sanificata. Il paziente che presenta condizioni cliniche tali da richiedere un ricovero in ospedale, verrà assistito in quelle aree in attesa dell’esito del tampone. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp