Coronavirus, entro il 16 maggio possibile azzeramento dei casi in Italia. In Campania dal 20 aprile

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Si sta livellando di giorno in giorno la curva dei contagi, al punto da suscitare finalmente un po’ di ottimismo perché a giorni, dovrebbe cominciare a vedersi la discesa. Lo indica il numero dei nuovi casi registrati dalla Protezione civile, che si è decisamente abbassato. 

Il rallentamento dei nuovi casi si nota ormai anche nelle province più colpite, come Bergamo, Brescia e Milano e un altro elemento di ottimismo riguarda regioni del Centro Italia, che sono “fuori dalla crescita esponenziale”, rilevano gli esperti. Un altro dato positivo riguarda il numero dei guariti, che con 1.590 di ieri è il più alto registrato dall’inizio dell’epidemia in Italia. Non vanno invece in questa direzione i dati sui decessi in quanto questi fotografano la situazione di circa 20 giorni fa, quando è avvenuto il contagio.

 

Secondo gli esperti, il periodo compreso fra il 5 e il 16 maggio potrebbe vedere il possibile azzeramento dei casi di coronavirus in Italia. In Campania questo azzeramento è previsto intorno al 20 aprile. In Basilicata dovrebbe accadere anche prima: il 7 aprile. È quanto emerge dai calcoli statistici pubblicati dall’Istituto Einaudi per l’Economia e la Finanzia, basati sui dati forniti ogni giorno dalla Protezione civile. La prima regione a vedere l’azzeramento dei casi, il 6 aprile, è il Trentino Alto Adige.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp