Cori contro De Luca al comizio di Nocera Inferiore, in 14 nei guai

Il 19 maggio scorso, nel pieno della campagna elettorale per le elezioni regionali, l'allora candidato alla Presidenza, Vincenzo De Luca, fu costetto a sospendere un comizio a Nocera Inferiore a causa di cori e striscioni. Gli inquirenti hanno individuato gli autori di quelle proteste. Si tratterebbe di 14 persone, tutte riconducibili al mondo ultras della Nocerina. Sono accusati del reato di turbativa elettorale, che prevede anche il carcere da uno a tre anni.
I manifestanti attesero Vincenzo De Luca all’ingresso del cinema Diana, dove doveva tenersi la manifestazione. Fu esposto anche uno striscione con scritto "Luci d’arrivista, i voti dei cafoni ora sono buoni". La protesta prosegui' anche all'interno del cinema tanto da spingere De Luca a interrompere il comizio dopo qualche minuto.

 

Lascia un Commento