Condannati due medici del Ruggi di Salerno che lasciarono la pinza nell’addome di una paziente

Due medici sono stati condannati per la morte di Nicoletta Ontano, la pensionata di 87 anni, morta nel febbraio del 2013 per una vicenda di malasanità all’ospedale Ruggi di Salerno.

La donna di Montecorvino Rovella sette mesi prima era stata operata per l’asportazione di un tumore all’intestino. I medici però si dimenticarono nell’addome una pinza chirurgica lunga 22 cm.

Ieri, il Tribunale di Salerno ha condannato un medico ad un anno di reclusione ed un altro ad 8 mesi, mentre un terzo medico è stato assolto. All’inizio delle indagini gli indagati erano 5 medici e due infermieri.

Nicoletta Ontano, operata nel luglio del 2012, successivamente era tornata in ospedale perchè accusava forti dolori al ventre. Gli accertamenti diagnostici verificarono la presenza nel ventre di un corpo estraneo. I medici però non fecero in tempo ad operarla nuovamente. La paziente morì il giorno dopo il ricovero. L’autopsia poi rivelò la presenza della pinza che ostruiva l’ansa intestinale. Quindi la denuncia dei familiari e l’avvio delle indagini che hanno portato alla sentenza di condanna dei due medici.

Lascia un Commento