Comitato UPI, a Roma anche il presidente provincia Salerno Strianese

I presidenti di province italiane compresa quella di Salerno che fanno parte del Comitato direttivo dell’UPI, Unione Province Italiane, hanno partecipato ieri a Roma alla riunione dell’organismo convocato dal presidente dell’UPI, Michele De Pascale, presidente della Provincia di Ravenna.

Presente anche Michele Strianese, il quale al termine della riunione ha spiegato che si è discusso dei decreti legge 32 e 34 “Sblocca Cantieri” e “Crescita” e della necessità di riformare la situazione attuale delle Province.

L’ambiguità del Governo nei confronti di questi temi – secondo l’UPI – danneggia i cittadini ed ostacola gli interventi urgenti di cui hanno bisogno le nostre strade, le nostre scuole, le nostre coste. La riforma Delrio nel 2014 ha trasformato le Province in Enti di secondo livello e ha tolto le risorse lasciando però le funzioni fondamentali di pianificazione del territorio, trasporti pubblici, edilizia scolastica, costruzione e gestione della rete stradale provinciale.

La rete viaria provinciale sul territorio nazionale è grande quasi sette volte la rete statale delle autostrade, solo che alle Province viene finanziata con un decimo delle risorse.

Al fine di trovare eventuali soluzioni più immediate, il presidente della Provincia di Salerno propone al Governo di usare i ribassi delle Gare su finanziamenti finora ricevuti sulla viabilità. Si tratta di 500mila euro su fondi Ministeriali 2018 che permetterebbero alle Province di respirare e garantire maggiore sicurezza.

Michele Strianese è stato chiamato, con altri colleghi Presidenti di Provincia, a far parte di due Commissioni interne. Strianese farà parte della Commissione “Infrastrutture e Mobilità” e della Commissione “Istruzione – Edilizia Scolastica”.  

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento