Coldiretti, profilassi solo nel 40% degli allevamenti. Pronti ad azioni legali

Pronta ad azioni legali contro la ASL, la Coldiretti di Salerno che lancia l’allarme sulla mancata profilassi di stato negli allevamenti bovini e bufalini della provincia. La legge stabilisce che entro la data del 30 giugno, gli allevamenti devono obbligatoriamente essere sottoposti alle profilassi di Stato ai fini del mantenimento delle qualifiche sanitarie di “ufficialmente indenne” altrimenti si rischia l'impossibilità della vendita diretta del latte.

“Ad oggi, denuncia il direttore Salvatore Loffreda, sembra che solo il 40% degli allevamenti sia stato sottoposto ai controlli. Un ritardo insostenibile che rischia di penalizzare gravemente le aziende zootecniche già colpite duramente dalla crisi del comparto”.

Per vendere il latte, le aziende saranno costrette alla pastorizzazione, un’ipotesi che comporterebbe ingenti danni alla già precaria condizione economica degli allevatori, con un aumento dei costi e la probabile impossibilità di collocazione del prodotto sul mercato

Lascia un Commento