Clan Bisogno, il “capo” era ai domiciliari poiché invalido ma guidava l’auto e non usava le stampelle

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Truffa aggravata ai danni dello Stato. Con questa accusa è stato riportato in carcere Mario Bisogno, capo clan del sodalizio criminale Bisogno attivo fin dagli anni Ottanta a Cava de’ Tirreni.

Bisogno era già sottoposto ai domiciliari da oltre dieci anni, beneficio di cui godeva poiché riconosciuto invalido totale e cieco parziale, con pensione di accompagnamento.

 

L’attività investigativa del Commissariato di Cava de’ Tirreni ha dimostrato che, nonostante le due invalidità, Bisogno continuava a guidare la sua auto nonostante gli fosse stata revocata la patente, inoltre camminava senza usare le stampelle. Inoltre il capo clan ha violato più volte i domiciliari senza rispettare orari e prescrizioni previste.

Mario Bisogno ha al suo attivo lunghi periodi di detenzione in carcere per reati di associazione per delinquere di stampo camorristico, rapina, estorsione ed usura.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp