“Civico 5.0”, rapporto Legambiente Campania. Inquinamento anche dal settore edilizio

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

Non solo le auto, gli sprechi e i consumi: responsabile dell’inquinamento atmosferico è anche il settore edilizio che produce il 40% delle nostre emissioni climalteranti, e dove il 70% dei consumi energetici complessivi riguardano il fabbisogno di riscaldamento e raffrescamento delle nostre case e molta energia viene dispersa in edifici che troppo spesso sono autentici colabrodo.

La denuncia arriva da Legambiente che ha presentato a Portici “Civico 5.0” la campagna nazionale sul patrimonio edilizio condominiale, nell’ambito del progetto “Air Heritage – Portici”, l’unica proposta italiana a vincere il III bando europeo “Azioni Urbane Innovative”.  

Per ridurre i consumi energetici di riscaldamento e raffrescamento e garantire un miglior accesso ai servizi energetici delle famiglie, è necessario intervenire sul patrimonio edilizio esistente, pubblico e privato. InCampania, in base all’ultimo censimento Istat, sono presenti oltre un milione di edifici di cui 892 mila ad uso residenziale, di cui almeno 86% degli edifici è stato realizzato prima della Legge 10 del 1991, ovvero prima di qualsiasi normativa in tema di efficienza e in molti casi in pessimo stato di conservazione, un fenomeno che in Campania riguarda il 22% circa degli edifici che  risultano in mediocre o pessimo stato di conservazione. La riqualificazione del patrimonio immobiliare è un passo fondamentale per l’efficientamento energetico degli edifici, anche con la realizzazione di impianti da fonti rinnovabili come pannelli solari, pompe di calore, caldaie a pellet. In Campania, dal 2014 al 2018, sono stati attivati investimenti per 390 milioni di euro pari ad un risparmio energetico di 111,7 GWh/anno. 

 

In termini di risparmio energetico assoluto, la Provincia di Napoli è quella che ottiene i migliori risultati, con una riduzione dei consumi di 7,2 Gwh/a, seguita da Salerno con 5,6 Gwh/a. Per quanto riguarda gli investimenti effettuati sono sempre le province di Napoli e Salerno, rispettivamente con 26,9 milioni di euro e 21,8 milioni di euro, a mostrare il maggiore impiego economico della regione per l’efficientamento energetico delle abitazioni. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp