Cittadella Giudiziaria a Salerno, ieri un sopralluogo. Spazi insufficienti e niente porte antipanico

E’ stato effettuato ieri un sopralluogo nella Cittadella Giudiziaria di Salerno dove sono iniziate le prime operazioni di trasloco degli uffici giudiziari.

Alla visita hanno preso parte il presidente della Corte d’Appello Iside Russo, il presidente del Tribunale Giovanni Pentagallo, il Procuratore Aggiunto Masini, ed i delegati del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, dei rappresentanti sindacali di categoria.

Nel corso della visita – fanno sapere dalla segreteria Uilpa di Salerno  – sono state individuate alcune criticità che si spera possano essere sanate. Gli armadi per gli archivi correnti oltre ad essere insufficienti non sono ancorati alle pareti ma posizionati al centro dei locali, con rischio di ribaltamento in caso di scosse sismiche o di altro tipo di sollecitazione. Le aule di udienza non adeguate all’affluenza alle Aste Giudiziarie; gli spazi riservati all’utenza assolutamente insufficienti e inidonei – sostiene la Uilpa – per la ristrettezza dei corridoi la mancanza di porte antipanico nelle aule di udienza.

Lo stesso sindacato, pur riconoscendo la differenza sostanziale e strutturale dei nuovi locali per la giustizia a Salerno rispetto a quelli attualmente occupati dal personale giudiziario nel Palazzo di Giustizia e soprattutto nell’edificio Vicinanza che sono assolutamente inidonei sia sotto il profilo della sicurezza che degli spazi e dalla salubrità, ritiene che le criticità evidenziate nella Cittadella debbano essere prontamente risolte anche con provvedimenti organizzativi che regolino la fissazione delle udienze e l’afflusso del pubblico.

Al presidente del Tribunale Pentagallo è stata fatta presente “la necessità di un ulteriore confronto con le organizzazioni sindacali e il dirigente del Tribunale per discutere nel merito i provvedimenti organizzativi da adottare”.

Lascia un Commento