Cinque governatori regionali a Mattarella “no al voto il 20 settembre”. C’è anche De Luca

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Cinque presidenti di Regione, tra cui quello della Campania, Vincenzo De Luca, hanno scritto una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per chiedere di non far svolgere le elezioni il 20 settembre. Sono contro la proroga delle elezioni regionali.

La proroga che “può essere giustificata solo da ragioni sanitarie ed emergenziali, sta assumendo i contorni di una decisione politica e, ci sia concesso, basata sulla convenienza di parte, che a nostro avviso non può giustificare la compressione dell’autonomia legislativa regionale e il diritto di voto degli elettori”. E’ quanto scrivono i governatori di Campania, Puglia, Veneto, Liguria e Marche. 

Ed è scontro politico sull’election day tra i cinque governatori e il governo. Ieri, l’incontro con il ministro dell’Interno Lamorgese si è concluso con un nulla di fatto. Obiettivo dei governatori è di far votare un emendamento al decreto sulle prossime elezioni che apra un ventaglio per le elezioni regionali dal 27 luglio, data in cui i presidenti delle regioni vorrebbero andare alle urne. Resta invece sulla propria linea il governo, secondo cui le votazioni potrebbero svolgersi il prossimo 20 settembre, magari con un election day che includa anche le comunali e il referendum sul taglio dei parlamentari. L’alternativa proposta sarebbe andare a votare il 6 settembre solo per le cinque regioni. Ma i cinque presidenti non ci stanno e in una lettera al capo dello Stato, chiedono l’intervento di Mattarella a sostegno delle loro ragioni. Il tutto in vista dell’approdo in Aula, del decreto di rinvio delle votazioni ad autunno.

 

La Commissione Affari costituzionali della Camera ha infatti approvato il provvedimento, che mantiene la finestra tra il 15 ottobre e il 15 dicembre per svolgere le elezioni, e nel corso del dibattito il sottosegretario all’Interno Achille Variati ha confermato che l’orientamento del governo è per il 20 e 21 settembre, con il ballottaggio il 4 e 5 ottobre. Ma i cinque governatori, anche forti di un consenso capitalizzato in questi mesi di crisi sui propri territori, rivendicano la propria autonomia chiedendo le elezioni il 27 luglio. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp