CILENTO – Appello degli operatori turistici. Non si tocchi il Metrò del Mare

Metrò del mare: non si tocchi il Cilento, o saranno guai. A esprimere il duro giudizio é il presidente dell’unione "Cilentoturismo.it", che rappresenta oltre 500 strutture ricettive a sud di Salerno. Dopo le incertezze sull’attivazione del servizio di collegamento via mare a seguito della gara per l’affidamento andata deserta, infatti, c’é grande preoccupazione tra gli addetti ai lavori del settore nel Cilento. "Mentre a Napoli si tratta di come e se riattivare il servizio,ha commentato il presidente Angelo Coda, gli operatori cilentani si trovano nella paradossale difficoltà di dover giustificare ai propri ospiti perché i pacchetti già venduti e comprensivi di escursioni in località della Costiera Amalfitana e delle isole del Golfo di Napoli rischiano di non essere più utilizzabili." "Non vorremo, ha proseguito Coda, che le prevedibili trattative private che si svolgeranno tra Regione Campania e armatori, escludano dai piani le linee del Cilento. Sarebbe un colpo durissimo per l’economia locale, dopo l’avvenuta soppressione del Palinuro Express e l’azzeramento del traffico aereo sull’aeroporto di Pontecagnano. Il metrò del mare nel Cilento ha registrato, negli ultimi 7 anni, un trend di crescita costante: dai 12.000 passeggeri del 2003 si era saliti infatti agli oltre 56.000 del 2009.

Lascia un Commento