Chiusura punti nascite di Polla e Sapri, interviene l’ex direttore sanitario Babino

Nel dibattito sulla chiusura dei punti nascite di Polla e di Sapri si inserisce anche il dottor Nunzio Antonio Babino, ex direttore sanitario dell’Ospedale Curto di Polla che ha postato una lunga dichiarazione sulla sua pagina Facebook.

“E’ la politica a decidere, non il Comitato percorso nascite del Ministero della salute, che sta a Roma e che è stato chiamato ad esprimere solo un parere su deroghe dalla normativa nazionale”, così Babino il quale ricorda che il nostro sistema sanitario è di esclusiva competenza regionale e il parere sulla richiesta di deroga risale ad agosto 2018 e nessuno ne ha mai parlato pubblicamente.

L’ex direttore Babino poi si chiede come mai viene mantenuto il Centro nascite di Vallo della Lucania che ha meno nascite di Polla e di Sapri.

“Inoltre si ignora colpevolmente – aggiunge il dottor Babino – che a Polla nei Reparti di Ostetricia-Ginecologia, Pediatria e nel Nido, con caratteristiche di Unità neonatale, ci sono gli spazi molto più ampi, e il maggior numero di personale in servizio rispetto a quelli che ha Vallo della Lucania o Sapri”.

“Senza il Centro nascite, come può funzionare – si chiede sempre l’ex direttore sanitario – il Pronto soccorso ginecologico ed il Pronto soccorso pediatrico, da sempre il punto forte dell’Ospedale di Polla? Dunque le decisioni vanno riviste!”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento