Chiusura punti nascita. Per Polichetti (Fials) ripercussioni sul Ruggi

La chiusura dei punti nascita agli ospedali di Sapri e Polla potrebbe comportare un sovraffollamento delle strutture ospedaliere. A lanciare l’allarme è Mario Polichetti, medico e sindacalista della Fials di Salerno, per il quale “la rete dei punti nascita in provincia di Salerno è un bene di tutti, e la battaglia a del Vallo di Diano e del Golfo di Policastro deve essere la battaglia di tutti.

“Ecco perché – afferma Polichetti – invito anche la direzione generale del Ruggi d’Aragona a prendere posizione sulla vicenda”. Polichetti poi pone l’attenzione sul rischio emigrazione sanitaria, in quanto molte famiglie potrebbe decidere di emigrare in Basilicata e molte altre di spostarsi, se non a Vallo della Lucania, scegliere Battipaglia e Salerno. Per il “Ruggi” si andrebbe a creare un carico eccessivo per un reparto che già attualmente, a pieno regime, svolge performance importanti.  

Tutto questo – conclude Polichetti, in un contesto lavorativo già a limite viste le risorse attuali, che metterebbe a rischio i livelli di assistenza. 

Lascia un Commento