Chiusura punti nascita a Polla e a Sapri, sul piede di guerra Mimmo Vrenna (Cgil). L’intervista

C’è grande preoccupazione a sud della provincia di Salerno per la comunicazione, da parte della Regione Campania, relativa alla chiusura dei punti nascita degli ospedali di Polla e Sapri poiché non raggiungo quota 500 nascite all’anno.

Applicando la legge dovranno chiudere a partire dal primo gennaio 2019. Per il punto nascite di Vallo della Lucania invece c’è una proroga di un anno. I documenti ufficiali relativi all’anno 2016 parlano di 296 parti per Sapri, 263 per Vallo della Lucania e 345 per Polla.

Sul piede di guerra anche Mimmo Vrenna, responsabile della Camera del Lavoro della Cgil Sapri, 

Vrenna su punto nascite

Lascia un Commento