Centola – Palinuro, processo Arco Naturale, Dopo 8 anni la sentenza

Otto anni per avere la sentenza nel processo per la vicenda dell’Arco Naturale di Palinuro.

In aula si approdò nel 2011, dopo una lunga indagine che portò al sequestro dell’Arco Naturale, simbolo di Palinuro.

18 gli imputati tra amministratori locali, funzionari e titolari di attività turistiche accusati a vario titolo di omissione in atti di ufficio, falso e abuso di ufficio e reati ambientali.

Al centro dell’indagine la realizzazione di un ponte in metallo al di sotto della struttura monumentale dell’Arco Naturale.

I giudici del Tribunale di Vallo della Lucania hanno condannato a un anno di reclusione e al pagamento delle spese processuali, l’ex sindaco di Centola Palinuro Romano Speranza assolto però per l’accusa di omesso controllo sul rilascio della concessione demaniale alla titolare della struttura turistica Arco Naturale.

Per lui anche l’Interdizione dai pubblici uffici per la durata della pena comunale sospesa. 

Assolti perché il fatto non sussiste altri imputati mentre per altri, tra cui i titolari delle attività turistiche, è scattata la prescrizione.

Lascia un Commento