Cava de’ Tirreni – Usura, due arresti della Dia

Due persone sono state arrestate e poste ai domiciliari per usura questa mattina a Cava de’ Tirreni ed è stato posto sequestro un appartamento del valore di circa 350mila euro. I provvedimenti sono scattati al termine di indagini compiute dalla Direzione investigativa antimafia sul caso della titolare di una macelleria di Cava che aveva venduto a un prezzo di molto inferiore al valore commerciale un appartamento ad uno degli indagati, per onorare un debito contratto per una fornitura. La differenza notevole con il prezzo di mercato, 145mila euro invece di circa 280mila euro, secondo gli investigatori, rappresentava il compenso per interessi usurai.
Gli investigatori della Dia, coordinati dalla procura della repubblica di Salerno, avrebbero scoperto, sempre a Cava, un altro caso di usura di cui la macellaia era stata vittima nel 2008. La titolare per un altro prestito si era rivolta ad un pensionato, che per la somma di 30mila euro aveva applicato interessi mensili tra il 7 ed il 10%, arrivando ad incassare la somma di circa 87mila euro.

Lascia un Commento