Cava de’ Tirreni, aggressione a ragazzi sordomuti presi per ladri. Dieci denunciati

Sarebbero dieci le persone denunciate a Cava de’ Tirreni per l’aggressione perpetrata giovedì scorso, 27 giugno, ai danni dei ragazzi sordomuti aggrediti a Santa Lucia. 

Dopo essere stati ascoltati dalla Polizia per il riconoscimento degli aggressori, i giovani georgiani hanno sporto regolare denuncia presso la Procura della Repubblica di Nocera Inferiore. 

Il rischio per le dieci persone ora è un provvedimento penale per aggressione sia verbale che fisica nei confronti dei ragazzi sordomuti, se non anche aggressione e oltraggio a pubblico ufficiale, in quanto sembrerebbe che al momento del pestaggio dei ragazzi alcuni degli aggressori, nella veemenza del momento, non si siano fermati nemmeno di fronte all’intervento delle forze dell’ordine giunte sul posto. 

I giovani sordomuti, erano stati scambiati per complici di ladri in azione. Impossibilitati a spiegarsi di fronte a una folla di centinaia di persone avevano provato a scappare. Inizialmente rifugiatisi in chiesa, erano stati comunque picchiati prima e durante l’intervento delle forze dell’ordine che li hanno poi sottratti alla violenza della folla. 

I presunti responsabili dell’aggressione, individuati tramite le telecamere di videosorveglianza installate in zona a Santa Lucia, saranno ascoltati nelle prossime ore.

Intanto, però, proprio le telecamere di videosorveglianza che puntano su piazza Felice Baldi – teatro dell’episodio– sono state divelte da ignoti tanto da lasciare scoperta, al momento, l’intera zona.         

Insomma, sembra non placarsi l’ondata di sospetto e nervosismo che aleggia in città, sperando che non degeneri nuovamente in aggressioni ad innocenti. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento