Cava de T. (SA) – Personale mobilitato a difesa dell’ospedale

Il personale medico ed infermieristico dell’ospedale di Cava de’ Tirreni, con le rappresentanze sindacali di base, si mobilita a difesa dell’ospedale cittadino e della salute. Domani 22 febbraio, alle 12.30, è in programma un incontro pubblico presso il nosocomio a cui ha aderito anche il Comitato “Curiamo l’Ospedale”, secondo il quale solo la lotta salverà l’ospedale Santa Maria dell’Olmo.

La RSU e le Organizzazioni sindacali della dirigenza medica in una riunione per esaminare congiuntamente la grave situazione assistenziale in cui versano i reparti dei plessi ospedalieri confluiti nell’Azienda Ospedaliera – Universitaria di Salerno, all’unanimità hanno concordato di intraprendere iniziative di mobilitazione a sostegno di una vertenza finalizzata all’apertura di un tavolo specifico di crisi presso la gestione commissariale regionale. I sindacati hanno indicato tre punti per la soluzione della vertenza: Rifinanziamento dell’Azienda di Salerno sul modello dell’Azienda dei Colli di Napoli, recuperando le risorse non assegnate ai plessi accorpati di Cava, S. Severino e Da Procida; la deroga alle assunzioni di personale; e deroga al blocco della mobilità regionale per liberare le mobilità in entrata al Ruggi di Salerno.

Lascia un Commento