Castellabate, numeri da record per la “Festa del Pescato di Paranza”. Le interviste


Grande successo per l’11esima edizione della “Festa del Pescato di Paranza” che si è svolta nel weekend a Castellabate.

Migliaia di visitatori, da tutta Italia, hanno letteralmente preso d’assalto il piazzale di Campo dei Rocchi, tra le frazioni di Santa Maria e Lago, per assaporare la classica frittura di paranza e le altre specialità cilentane preparate dall’associazione Punta Tresino, promotrice dell’evento.

Sono stati oltre 20 i quintali di pesci, pescati nel mare blu del Cilento dalla locale flotta peschereccia, fritti in tre giorni nella maxi padella.

Immancabile anche quest’anno la delegazione della Pro Loco Camogli, con in testa il presidente Antonio Verdina, che ha preparato la pasta con il pesto alla genovese. Un legame sempre più solido, quello tra le due realtà associative, testimoniato anche dal “Patto d’Amicizia” tra i due Comuni, che ha visto la presenza a Castellabate del primo cittadino di Camogli, Francesco Olivari, ricevuto dal sindaco di Castellabate, Costabile Spinelli, e dalla vice sindaca, Luisa Maiuri.

A margine della festa Antonio Vuolo ha raccolto il commento di Maria Assunta Verrone dell’Associazione Punta Tresino e del presidente della Pro Loco di Camogli, Antonio Verdina

Verrone e Verdina

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento