Castellabate – Due km di reti da pesca illegali sequestrati nell’area marina protetta di Santa Maria

Nell’ambito del dispositivo di sorveglianza messo a punto dalla Guardia Costiera di Agropoli, diretta dal Tenente di Vascello Rosario Florio, gli uomini dell’Ufficio Locale Marittimo di Santa Maria di Castellabate hanno sequestrato due chilometri di reti da pesca illegalmente calati nelle acque dell’area marina protetta. Una pattuglia, guidata dal comandante Pasquale De Vita, ha perlustrato sin dal primo mattino le acque dell’area. La lunga rete rinvenuta era stata posta a circa 350 metri dalla battigia. Partita una denuncia contro ignoti alla Procura della Repubblica di Vallo Della Lucania.

Lascia un Commento