Caso termovalorizzatore a Salerno, assoluzione definitiva per Vincenzo De Luca

Confermata anche in terzo grado dalla Corte di Cassazione l’assoluzione per Vincenzo De Luca per la vicenda del termovalorizzatore di Salerno. All’epoca dei fatti era sindaco ed era imputato di peculato e abuso d’ufficio. La Suprema Corte ha sentenziato in maniera definitiva che non vi fu peculato nell’affidamento degli incarichi per costruire l’impianto per bruciare i rifiuti, che però non è mai stato realizzato. Assolti anche i due dirigenti comunali accusati di abuso: l’ingegnere Domenico Barletta e Alberto Di Lorenzo.

Si chiude così il processo sul termovalorizzatore che doveva sorgere in località Cupa Siglia a Salerno. L’ex sindaco ed i due dirigenti comunali erano stati condannati in primo grado e assolti in Appello. La Procura Generale a giugno aveva presentato ricorso contro il Governatore della Campania Vincenzo De Luca e gli altri due imputati, ma ore la Cassazione ha confermato la decisione dei giudici d’Appello assolvendo i tre imputati.

Lascia un Commento